sabato 6 dicembre 2014

Recensione: l’ordine dei Liberi Muratori tradito, ed. Archè – PiZeta


La nascita della  Massoneria moderna comunemente intesa (per intenderci quella nata a Londra nel giugno del 1717) e le opere che svelano i suoi segreti sono praticamente coeve. In questo volume, edito nel 1745, ironia, sarcasmo e forse ammirazione vengono miscelati con uno stile di gradevole lettura. L’ignoto autore (l’opera è stata attribuita al librettista Giovan Gualberto Bottarelli, all'abate Larudan e Pérau) di rituali, usi e consuetudini massoniche era bene informato, al punto da descriverle con una dovizia di particolari poco comune. Vi è chi pensa che quest’opera attraverso lo svelare abbia voluto ri-velare e conservare, se questo era l’intento è perfettamente riuscito. Il lettore moderno può notare cosa è cambiato in quasi 300 anni nelle abitudini e prasi massoniche e cosa è restato uguale o simile. Questo volume è prezioso, non solo per i riferimenti a rituali, ma anche per la piccola raccolta di canzoni massoniche. Oltre a svelare quanto concerne le massoniche cose, l’autore apre le porte di un ordine misto e goliardico come quello dei Mopsi.

Un libro che non può mancare nelle librerie degli appassionati e studiosi

© Michele Leone

Post in evidenza

Welcome http://micheleleone.it/

Ciao a tutti, oggi voglio segnalarvi la nascita del mio sito: http://micheleleone.it/ Spero di ritrovarvi numerosi su questa nuova piat...