venerdì 2 gennaio 2015

Appunti sulla leggenda della vera Croce, Salomone e la Regina di Saba


La storia deve essere conosciuta da coloro che si occupano di miti e scienze tradizionali, per sapere quanto ci si scosta dalla realtà comunemente intesa e quando si supera la soglia di quanto è “ordinario”.

La devozione verso la Croce è cosa nota, come sono note le molteplici reliquie ad essa legate. La devozione spesso è alimentata da miti e leggende ed in questi vengono inseriti più o meno consciamente dei riferimenti che potremmo definire “occulti”.  Questi riferimenti sono il “filo rosso” da seguire per ritrovare storie dimenticate o disperse in vari frammenti e celate nei luoghi più diversi. Non a caso una vecchia massima iniziatica recita: “riunire ciò che è sparso”, ad indicare il dovere di colui che si avvicina a certi argomenti di peregrinare e cercare senza sosta la semplice unità della conoscenza.

Probabilmente la più completa descrizione della leggenda della vera Croce la troviamo nell’opera di Jacopo da Varagine: Leggenda Aurea.

La parte di maggior interesse per questi appunti della “Leggenda” è l’inizio che riportiamo:

“Si dice che in questo giorno la santa croce sia stata ritrovata duecento anni e più dopo la resurrezione di nostro Signore. Si legge nel vangelo di Nicodemo che un giorno che Adamo era malato, il figlio Seth si recò sino alle porte del Paradiso a chiedere l’olio del legno della misericordia con cui ungere il corpo del padre e restituirgli la salute. Gli apparve l’arcangelo Michele e gli disse: <<Non piangere per ottenere l’olio del legno della misericordia perché in nessun modo potrai averlo fino a che non saranno compiuti cinquemila anni>>; cioè, all’incirca, il tempo che intercorre da Adamo alla passione di Cristo.

Si legge altrove che l’arcangelo dette a Seth un ramoscello da piantare sul molte Libano. In un’altra storia pure apocrifa leggiamo che questo ramoscello era dell’albero che aveva fatto peccare Adamo e che l’arcangelo disse a Seth: <<Tuo padre guarirà quando questo ramo farà i suoi frutti>>. Quando Seth tornò a casa trovò il padre morto e pianto il ramoscello sulla sua tomba: ben presto il ramo divenne un albero che viveva ancora ai tempi di Salomone. Si lascia al giudizio di ogni lettore decidere se queste vicende siano vere o false dal momento che non si trovano in nessuna storia autentica.

Salomone, colpito dalla bellezza di questo albero, comandò di abbatterlo e di trovargli un posto nella costruzione del tempio.

Ci narra Giovanni Beleth che per quest’albero non si poteva, in alcun modo, trovare un posto adatto ed ora pareva troppo lungo ed ora pareva troppo corto: infatti se gli operai ne tagliavano un pezzo per dargli la giusta misura ecco che diveniva troppo corto; alla fine gli operai persero la pazienza e lo gettarono su di un lago perché servisse da ponte.

Quando la regina di Saba si recò ad ascoltare le sapienti parole di Salomone ebbe ad attraversare il detto lago: ed ecco che vide in ispirito come su quel legno dovesse essere sospeso il Salvatore del mondo onde non volle passarvi sopra ma devotamente si prostrò ad adorarlo.

Si legge invece nella storia scolastica che la regina di Saba vide nel tempio di predetto legno e che, tornata nella sua dimora, scrisse a Salomone che su quel legno doveva essere sospeso uno per la cui morte avrebbe avuto fine il regno dei giudei. Allora Salomone fece togliere quel legno dal in cui si trovava e ordinò che fosse seppellito nelle viscere della terra: più tardi, là dove l’albero era stato sotterrato, venne costruita la piscina probatica; onde non era solo la discesa dell’angelo, ma la virtù del prezioso legno, a turbar l’acqua e a guarire gli infermi.

Si dice che all’avvicinarsi della passione di Cristo il legno emerse dalle profondità della terra: i giudei che lo videro ne fecero una croce per nostro Signore. Afferma la tradizione che la croce di Cristo sia stata composta con quattro specie di legno. La palma, il cipresso, l’olivo e il cedro formano le quattro parti di cui la croce è costituita, ossia il tronco orizzontale, il tronco verticale, la tavoletta posta sulla sommità della croce, il tronco di base; o, secondo Gregorio di Tours, la tavoletta posta sotto i piedi di Cristo.”

Al di là delle evidenti contraddizioni contenute in parte di questa leggenda è importate notare come ci siano dei rimandi forti ad altre tradizioni e leggende.

E’ Seth e non Caino a recarsi alle porte del Paradiso. Seth, importante per i tre monoteismi è anche secondo varie tradizioni colui che raccolse il sapere segreto di Adamo che in seguito confluì nella cabala. Non potrebbe essere diversamente in quanto gli unici sopravvissuti al diluvio furono i figli dei figli di Seth attraverso Noè. Seth è figura di rilievo nella gnosi, nelle chiese orientali e di lui si parla nel libro “Libro dei Giubilei” considerato canonico dalla sola chiesa Copta.

Un’altra domanda che ci si dovrebbe porre e perché fu Michele a parlare a Seth. “Tradizionalmente” l’arcangelo che dovrebbe svolgere la funzione di guaritore è Raffaele.

In questa versione della leggenda viene dato a Seth un ramo (in altre versioni dei semi), un ramo che potrebbe essere stato preso direttamente dall’albero della conoscenza del bene e del male e non da quello della vita. Non solo una volta arrivato sulla terra quest’albero deve subire tutta una serie di processi, che potremmo paragonare a delle purificazioni o “prove”.

Nella leggenda compare una figura troppo spesso dimenticata: la regina di Saba. Questa regina descritta in alcune opere “storiche” o romanzate è di importanza vitale quando si va alla ricerca di regni mitici o alla sua relazione con re Salomone e Hiram. Si proprio Hiram il Maestro Architetto dei massoni. Ora giocando con la fantasia, non sarebbe possibile ipotizzare che gli operai che gettarono il tronco non siano stati gli stessi che lo hanno ucciso? Nella leggenda alla sensibilità (solo artistica) di Salomone si contrappone quella della regina di Saba, ed è lei che riceve la conoscenza dello scopo di quel “legno”.

Un caso che sul luogo di sepoltura del “legno” fosse stata costruita la piscina probatica? Quella che serviva per purificare gli agnelli prima del sacrificio?

Le ipotesi e le suggestioni potrebbero essere molte e potremmo continuare a lungo rimando dopo rimando e domanda dopo domanda…

… ma citando una nota canzone: “…manca solo un verso a quella poesia, puoi finirla tu.”

Gioia – Salute – Prosperità

© Michele Leone
immagine presa dalla rete

Post in evidenza

Welcome http://micheleleone.it/

Ciao a tutti, oggi voglio segnalarvi la nascita del mio sito: http://micheleleone.it/ Spero di ritrovarvi numerosi su questa nuova piat...