martedì 6 gennaio 2015

Cardano, Ildegarda, Tritemio e caldaia che non funziona…ovvero Occultismo e problem solving. Una storia vera (o quasi).


Cosa hanno in comune questi tre personaggi storici? Probabilmente, ma solo probabilmente nulla. Questo trio con una caldaia? Ancor meno.

Immaginate di svegliarvi, o meglio di alzarvi dal letto dopo una notte insonne in una fredda mattina di gennaio (per la precisione la mattina dell’Epifania, sarà un caso?) e scoprire che il freddo che sentite non è dovuto ad una “morte interiore” ma, semplicemente ad un guasto alla caldaia. Immaginate anche di essere un uomo malpratico (di quelli che chiamano l’elettricista per cambiare una lampadina), fornito solo di una parte del manuale di manutenzione, il resto del manuale sarà disperso tra Atlantide ed Alessandria.

Date queste premesse quasi apocalittiche, cerchiamo di capire cosa e come farlo. Le moderne caldaie unitamente agli occulti libri che le accompagnano sono ricche di strani simboli e quanto è scritto nei manuali comprensibile solo agli iniziati alle arti meccaniche ed idrauliche; tra disegni misteriosi e parole oscure si ha il sospetto che sarebbe di più facile comprensione il manoscritto di Voynich.

Per prima cosa è opportuno preparare una antica e misteriosa bevanda che prende il nome di caffè. Successivamente dopo aver invocato la protezione e benedizione di qualche Santo o Divinità a seconda del proprio credo è opportuno mettersi al lavoro. Strumenti indispensabili sono la ricerca empirica e la Simbolica. Ops quasi quasi sembrano i preliminari di un alchimista nel suo laboratorio. Se di immediata comprensione è l’utilizzo della ricerca empirica, potrebbe esserlo meno quello della Simbolica. Se la Simbolica è la scienza che studia i simboli ecco che inizia a diventare chiaro il suo utilizzo. Il linguaggio simbolico, per quanto fatto di meta rimandi ad altro, probabilmente è l’unico linguaggio davvero universale. Bene lo sapeva Ildegarda, proclamata Dottore della Chiesa da Benedetto XVI nel 2012. Lei, benedettina come Tritemio, ebbe a creare in quell’epoca per molti oscura, che ci ostiniamo a chiamare Medio Evo la Lingua ignota composta dalle 23 litterae ignotae. Probabilmente i redattori di un manuale di caldaie non hanno creato un linguaggio ad hoc, ma hanno semplicemente usato il linguaggio comune criptato in una qualche forma. Per puro divertimento, ipotizziamo questi redattori membri di una qualche sconosciuta consorteria come ad esempio la Confraternita Celta, abbiano utilizzato la steganografia. Oddio, e che parolaccia è ma questa? Si mangia?  No, non si mangia, ma utilizzata come mestiere potrebbe portare ad un buon salario. Steganografia deriva dal greco:  stego + graphein che sta per nascondere/occultare + scrivere, quindi scrivere qualcosa nascondendo. “Padre” della steganografia è Tritemio con il suo Steganographia, a dire il vero il nostro benedettino non voleva pubblicarlo, la storia di questo libro meriterebbe un capitolo proprio, ed infatti è uscito postumo. Del disco rotante di Tritemio (che non ha nulla a che fare con qualche attributo dei robot nei cartoni Giapponesi) troviamo traccia in Bruno e guarda caso nelle opere magiche.  A complicare o facilitare le cose ci ha pensato Gerolamo Cardano, inventore e scopritore di molte cose, quasi eretico, matematico e chi più ne ha ne metta, con la sua griglia.

Tutte queste strade, questi tentativi, portano a poco. Se si vuole davvero comprendere un libro (sia esso scritto o quello della natura[1]) misterioso ed occulto bisogna avere le GIUSTE chiavi per comprenderlo altrimenti si rischia di spendere molto, troppo, tempo nella ricerca della comprensione. Lo strumento più utile è la Simbolica, purtroppo non è sufficiente, almeno in questo caso a riavviare la caldaia, almeno supporta nella comprensione di quegli strani segni, che sono simboli.

Cosa significa questa storiella? Ha una morale?

Mi dispiace deludervi, ma non penso significhi qualcosa di preciso. In essa, però, ci sono degli indizi, dei rimandi più o meno visibili. Se non avete di meglio da fare provate a scoprirli; non dimenticate di leggere la tredicesima epistola di Dante (http://www.classicitaliani.it/dante/cangran.htm).

Alla fine la caldaia è stata aggiustata? Purtroppo non posso invitarvi per un caffè, quindi ai posteri la risposta J.

Gioia – Salute – Prosperità

© Michele Leone nel giorno dell’Epifania A.D. 2015

P.S. Queste righe non voglio essere un contributo scientifico alla ricerca sull’Alchimia ed altre discipline, solo una “favola”.
 




[1] Scriveva Alano di Lilla:
Omnis mundi creatura
quasi liber et pictura
nobis est in speculum;
nostrae vitae, nostrae mortis,
nostri status, nostrae sortis
fidele signaculum.
Nostrum statum pingit rosa,
nostri status decens glosa,
nostrae vitae lectio;
quae dum primo mane floret,
defloratus flos effloret
vespertino senio.

 

Post in evidenza

Welcome http://micheleleone.it/

Ciao a tutti, oggi voglio segnalarvi la nascita del mio sito: http://micheleleone.it/ Spero di ritrovarvi numerosi su questa nuova piat...