sabato 11 maggio 2013

Una particolare leggenda su Salomone, Balkis e Adonhiram PARTE V ed ultima


Nove maestri si posero, a tale effetto, in viaggio. Dopo diciassette giorni d'indagini, tre di essi ristettero, stanchi pel lungo cammino, nel luogo ove era stato seppellito Adonhiram, e, prendendo in mano il ramo d'acacia, lo strapparono dal suolo; onde pensarono che quella terra fosse stata smossa di fresco. I nove maestri si misero a scavare la terra; e un di loro sclamò: - Gli uccisori di Adonhiram furono per avventura compagni che volevano conoscere la parola di maestro, e dall'incorruttibile Adonhiram non poterono saperla; onde gli tolsero la vita. Cangiamo pertanto la parola di maestro; - e fu subito convenuto che la prima parola pronunciata scorgendo il cadavere, diverrebbe la parola d'ordine. Scopersero infatti il cadavere, e nell'atto di sollevarlo, l'epidermide staccava si dal corpo; sicché uno dei maestri esclamò: MACBENAHT (la carne si stacca dall'osso), e questa parola divenne la parola sacra, il grido dei vendicatori di Adonhiram.  L'assenza dei tre compagni, e gli strumenti del delitto, non aveva lasciato alcun dubbio sovra gli uccisori di Adonhiram, di cui il più vecchio, come il più colpevole, fu appellato Abibate (assassino del padre). Salomone, riunendo ancora i maestri, trasse a sorte nove di essi perché si recassero sulle tracce degli omicida. Il capo della spedizione fu Joaber. I nove maestri giunti a ventisette miglia da Gerusalemme, dalla parte di Joppa, presso una caverna chiamata Ben Acar, e collocata vicino al mare, scorsero gli uccisori e li inseguirono. Due di essi, fuggendo, si gettarono nei paduli, e vi perirono; e il terzo, in quella di essere raggiunto da Joaber, si diede la morte. I nove maestri ritornarono in Gerusalemme colle teste dei tre omicida, che presentarono a Solimano, il quale, a ricompensarli, diede loro il grado di eletti, e per segno di riconoscimento una sciarpa nera scendente dalla spalla sinistra al fianco destro con appesovi pugnale dall'aurea impugnatura. E' furono incaricati dell' ispezione generale de' lavori, e spesso raccolti in luogo segreto dal re per dar conto delle proprie azioni e porgere giudizio sovra qualche operaio colpevole.

 Ma gli uomini periscono, e i loro concetti, consegnati alla carta, alla tela od al marmo, non periscono. l lavoratori scompaiono, il lavoro resta; muoiono i combattenti. ma il frutto della vittoria matura a giusto tempo, e le generazioni vi attingono succhio rigeneratore. Nell'universale rapina delle cose e delle esistenze, la vita prosegue immortale il suo corso. Adonhiram non era più; e il delitto aveva profanate le soglie del tempio; ma l'opera era sorta, testimonio degli sforzi lunganimi di migliaia d'uomini, e marmorea pagina in cui migliaia di vite avevano scritto un ricordo. Non quietava Salomone; le passioni lo divoravano; e non pertanto s'accingeva, a compiere il mistico mandato, collocando in luogo recondito le leggi segrete di Mosè, e la scritta contenente il nome del grande Artefice dell'universo, quale era apparso a Mosè sul monte Orebbe, nel mezzo di un triangolo di fuoco; nome che l'universale ignorava, e che era pronunciato dal sacerdote una sol volta all'anno, perché  l'udissero solo i pochi che stavano intorno a lui, e non il popolo, a cui era imposto fare incondito rumore onde alle sue orecchie non pervenisse. Salomone aveva fatto costruire segretamente, nel sotterraneo più nascosto del tempio, una volta alla cui costruzione avevano atteso soltanto i maestri, e nel mezzo della quale egli aveva collocato un piedestallo triangolare, nomandolo il piedestallo della scienza. Si scendeva in questa volta mercè una scala di ventiquattro gradini distribuiti per 3, 5, 7 e 9. Però non sapendo quel che fosse accaduto del triangolo di Hiram lo fece rintracciare dai maestri; e tre di essi, guardando nel pozzo nell' ora del mezzogiorno, lo videro scintillare, e lo ricuperarono, portandolo a Salomone che vedendolo esclamò: Eloin (grazie a Dio). Accompagnato allora da quindici eletti e dai nove maestri che avevano costrutta la volta sacra, discese nel sotterraneo, e collocò il triangolo sul piedestallo della scienza, e lo coperse con agata tagliata in forma quadrangolare, sulla quale fece incidere, superiormente il nome di consueto usato ad esprimere Iddio, inferiormente le parole segrete della legge divina, e lateralmente le combinazioni cubiche delle parole sacre; onde ebbe nome di pietra cubica. Dinnanzi al tripode fece collocare tre lampade con nove fiamme, ciascuna ardente di luce perpetua. In appresso Salomone prescrisse di nuovo agli eletti l'antica legge, che vietava di pronunciare il vero nome del grande Artefice dell'universo; impose loro giuramento di segreto; e fece impiombare la porta della volta di cui solo i ventisette eletti e i loro successori conobbero l'esistenza; i quali dopo la morte di Salomone continuarono a governarsi secondo le leggi d'Adonhiram e vegliarono alla conservazione del tempio.
G. DE CASTRO

Post in evidenza

Welcome http://micheleleone.it/

Ciao a tutti, oggi voglio segnalarvi la nascita del mio sito: http://micheleleone.it/ Spero di ritrovarvi numerosi su questa nuova piat...