mercoledì 8 maggio 2013

Una particolare leggenda su Salomone, Balkis e Adonhiram PARTE III

Ho due minuti e ne approfitto per postarvi la 3 e non ultima parte della leggenda :)


Tubalcain introdusse Adonhiram nel santuario del fuoco, ove è venne sponendogli la debolezza d'Adonai e le basse passioni di questo Dio, nemico della sua medesima creatura ch'egli condannò a inesorata legge di morte, onde vendicare i benefici 'che i geni del fuoco sparsero su lei. Adonhiram è condotto alla presenza dell'autore della sua schiatta, di Caino. L'angelo di luce che generò Caino si specchia nella stupenda bellezza di questo figlio dell'amore; la cui nobile e generosa indole inasprisce la gelosia d'Adonai. Caino narra ad Adonhiram sue vicende, sue colpe, sue virtù, sue sciagure, delle quali ultime Adonai è fattore implacabile. Poco dopo Adonhiram ode la voce di colui che nacque dagli amori di Tubalcain e di sua sorella Noema.  “Un figlio ti nascerà che a te non sarà dato vedere, ma la cui numerosa prole perpetuerà tua stirpe. La tua razza, superiore a quella di Adamo, acquisterà l'impero del mondo; per molti secoli consacrerà suo coraggio, suo genio a pro dell'ingrata schiatta adamitica; ma per ultimo i migliori diverranno i più forti, e restaureranno sulla terra il culto del fuoco. I tuoi figli, nel nome tuo invincibili, distruggeranno il potere dei re, ministri della tirannide d'Adonai. Va, figlio mio, i geni del fuoco sono con te". Adonhiram è restituito alla terra. Tubalcain, che volle accompagnarlo, nello spiccarsi da lui riconforta con nuovi argomenti il di lui animo, e gli porge il martello onde egli operò memorabili cose, e gli dice: Il Mercé il martello che ti affido, e mercé l'aiuto dei geni del fuoco, in breve compirai l'opera lasciata a mezzo a cagione della stoltezza e della malizia degli uomini". Adonhiram non tarda a sperimentare meravigliosa efficacia del prezioso strumento; e la nuova alba vide la gran massa di bronzo consolidata. L'artista n'ebbe gioia ineffabile; l'amante esultò. il popolo accorse, incredulo e sgomento di quell'arcano potere che aveva, in una notte, riparato ogni cosa e foggiato un liquido bollente in un capolavoro. La regina di Saba, a cui, pe' contrasti, l'affetto era venuto crescendo nell'anima, ne fu lieta come di propria insperata fortuna. Un giorno ella passeggiava, accompagnata dalle ancelle, fuori delle mura di Gerusalemme; e s'avvenne in Adonhiram, solo, pensoso, che cercava luoghi deserti per sottrarsi alle ovazioni della folla. Quell' incontro fu fatale; si svelarono reciprocamente l'amore. Hud-Hud, l'uccello che adempie presso la regina Saba ufficio di messaggere dei geni del fuoco, e che sempre si chiarì avverso a Solimano, vedendo Adonhiram disegnare nell'aria il mistico T, volteggia sul suo capo e si posa sopra il suo pugno. A questo indizio, Sarahil, la nutrice della regina, sclama: - L'oracolo è compiuto Hud-Hud riconobbe lo sposo che i geni del fuoco destinano a Balkis, il solo di cui possa senza delitto accogliere l'amore.
Non esitano più; e reciprocamente si giurano fede; e studiano insieme in qual modo Balkis può ritrarre la parola data al re. Adonhiram s'allontanerà per il primo da Gerusalemme. Poco dopo la regina, impaziente di congiungersi a lui in Arabia, ingannerà la vigilanza di Solimano. Ma i tre compagni, il cui tradimento non ebbe riuscita pel provvido soccorso dei geni  del fuoco, e che spiano ogni passo di Adonhiram per vendicarsi di lui, scoprono il segreto dei suoi amori. Eglino chiedono parlare a Solimano. Amru gli dice: "Adonhiram cessò di venire nei cantieri, nelle officine e negli opifici.” - Fanor soggiunge: "Verso la terza ora di notte scorsi un uomo dirigersi verso le tende della regina, e riconobbi Adonhiram.” - Metusael esclama:” Allontanatevi, compagni, il re deve solo udire quanto sto per dirgli .”  Rimasto solo con Solimano, Metusael prosegue: .. Profittando delle ombre della notte io potei mescolarmi agli eunuchi della regina, e scorsi Adonhiram introdursi da lei, e quando me ne fuggii di là, poco prima dell'alba, egli si trovava ancora presso di lei .”  Solimano sente l'acuto morso della gelosia e propone mitigarla come sogliono i vili. Chiama il gran sacerdote Sadoc, e con lui s'abbocca consultandolo intorno al modo col quale vendicarsi del felice rivale.

Post in evidenza

Welcome http://micheleleone.it/

Ciao a tutti, oggi voglio segnalarvi la nascita del mio sito: http://micheleleone.it/ Spero di ritrovarvi numerosi su questa nuova piat...